on 17 marzo, 2012 by hospitalier in Il Faustino, Renzo Allegri, Comments (0), visite 1.644


San Giuseppe visto da vicino




4Intervista a Padre Vittorino Grossi, celebre teologo e professore di Patrologia e di Patristica, che traccia del padre putativo di Gesù, un ritratto fuori dagli schemi tradizionali, ma fondato su studi rigorosi..

Di Renzo Allegri

Cerca Padre Vittorino Grossi su AMAZON.IT

<<Il più grande santo e il più potente intercessore che abbiamo in cielo, dopo la Vergine Maria, è San Giuseppe>>. Lo ha affermato Pio IX nel 1870 con il decreto della Sacra Congregazione dei riti “Quemadmodum Deus” proclamando San Giuseppe  patrono della Chiesa universale. E dopo di Pio IX, tutti i Pontefici hanno ribadito questa  concetto.

<<E’ giusto che sia così>>, commenta padre Vittorino Grossi, teologo e scrittore, direttore della rivista di studi patristici “Augustinianum”, membro del Pontificio comitato di Scienze storiche, professore di Patrologia e Patristica alla Pontificia Università Lateranense e all’Istituto Patristico Augustinianum. <<San Giuseppe fu sposo di Maria, la madre di Dio;  fu la persona scelta direttamente da Dio per la missione più straordinaria che si possa immaginare, essere  il padre legale del figlio stesso di Dio nella sua avventura terrena, quando, pur continuando ad essere Dio,  assunse la natura umana, diventando anche vero uomo.

<<Duemila anni fa>>, prosegue  padre Vittorino  con un entusiasmo che palesa amore e ammirazione  <<San Giuseppe ha visto nascere Gesù, lo ha tenuto tra le braccia, gli ha dato un affetto immenso, ha  provveduto a difenderlo da chi lo voleva uccidere, ha seguito la sua crescita, ha lavorato per mantenerlo, gli ha insegnato le regole del vivere civile, i principi religiosi, è vissuto con lui e la Madonna formando una famiglia speciale, la “Sacra Famiglia”.

<<Ma pur avendo un incarico così eccezionale, Giuseppe è stato in vita sempre un uomo umile e riservato. Gli evangelisti parlano poco di lui. E anche nell’ambito della storia della devozione, il suo culto si è sviluppato lentamente. Bisogna arrivare alla fine del primo millennio della storia cristiana per trovare un importante  interesse devozionale e teologico per lui. Poi, nel secondo millennio, quell’interesse è andato via via crescendo. Importanti teologi, come San Tommaso d’Aquino, San Bonaventura, il Beato Giovanni Duns Scoto  con i loro scritti hanno approfondito ed evidenziato il ruolo di San Giuseppe  nell’ambito del mistero dell’Incarnazione.  San Bernardino da Siena,  nel quindicesimo secolo, fu un grande divulgatore del culto a San Giuseppe e nelle sue prediche sosteneva che era stato assunto in cielo come la sua sposa Maria. Santa Teresa d’Avila, nel  secolo sedicesimo, promosse la devozione a San Giuseppe in tutta la Spagna, e gli dedicò dodici monasteri da lei fondati.

1<<Il più forte impulso, però, alla conoscenza teologica di San Giuseppe è venuto dai Pontefici negli ultimi  150 anni. A cominciare da Pio IX che, nel 1870,  proclamò  San Giuseppe “patrono della Chiesa Universale”. Leone XIII, nel 1889, gli dedicò un’enciclica, “Quamquam pluries”,  proclamandolo “modello e avvocato di tutte famiglie cristiane”; Benedetto XV, con il Motu Proprio “Bonum sane”, nel 1920,  esaltò l’efficacia delle devozione a San Giuseppe come rimedio ai problemi del dopoguerra;  Pio XI nel 1937, con l’enciclica “Divini Redemptoris”, lo propose come “modello e patrono degli operai”; Pio XII, nel 1955, istituì la festa liturgica di Giuseppe operaio;  Giovanni XXIII, nel 1961, lo nominò “Celeste protettore del Concilio Vaticano II”; Giovanni Paolo II  nel 1989 gli dedicò una Esortazione apostolica, “Redemptoris custos”, che è uno  straordinario documento teologico. Gli interventi di Benedetto XVI su San Giuseppe sono continui e insistenti. Egli ama molto questo santo del quale porta il nome di battesimo>>.

Che cosa si conosce esattamente della vita di San Giuseppe?

<<I Vangeli e i libri canonici su questo argomento dicono poco. Matteo e Luca concordano nel presentare San Giuseppe come discendente della stirpe di David. Sembra avesse un fratello di nome Cleofa. Luca colloca la sua famiglia a Nazaret.  Nei racconti dagli apocrifi, (cioè in quei libri che risalgono ai primi secoli ma che la Chiesa non ritiene ispirati da Dio)  si trovano varie indicazioni anagrafiche, ma non attendibili. Quegli scrittori erano preoccupati di difendere alcune verità dogmatiche, come la verginità di Maria, la divinità di Gesù uomo-Dio. Per dimostrare che Gesù Bambino era figlio di Dio, gli attribuiscono una miriade di miracoli a volte ingenui e grotteschi. Per rendere accessibile il concetto della Virginità della Madonna, presentano San Giuseppe quasi centenario.

<<Questi racconti hanno influenzato l’iconografia  di tutti i tempi, e infatti San Giuseppe è sempre presentato anziano, con il bastone e la barba. In realtà, quando sposò Maria, era giovane.  A quel tempo, le ragazze ebree si sposavano  tra i 12 e i 14 anni, mentre i maschi tra i 16 e i 18 anni. Quindi, Maria divenne promessa sposa di Giuseppe quando aveva circa 12 anni, e Giuseppe aveva 16 o 17 anni>>.

2Si sa qualche cosa della famiglia di Giuseppe?

<<Matteo e Marco ci informano che era un falegname, quindi apparteneva a una famiglia di artigiani. Per indicare questa professione usano la parola greca  “tekton”, che viene in genere tradotta con il termine “falegname”, ma va intesa in forma  più ampia, come carpentiere, impresario edile, uno che lavorava il legno soprattutto per la costruzione delle case, che erano tutte in legno. Un lavoro importante dal quale si deduce che la famiglia di Giuseppe fosse benestante. Nell’impero romano  del tempo, la società era divisa in due classi: gli “humiliores”, i meno abbienti, i poveri; e  gli “honestiores”, che erano i benestanti. I “tekton” facevano parte di questa classe>>.

Giuseppe e Maria erano innamorati o il  loro matrimonio era stato combinato dalle rispettive famiglie?

<<Nella famiglia ebraica, il matrimonio  aveva una struttura “patriarcale”, “maschilista”. La ragazza dipendeva dal capofamiglia; il ragazzo un po’ meno. Nel caso del matrimonio, erano le famiglie che trattavano, ma, alla fine, era il ragazzo che, con l’approvazione del padre e della madre, andava a chiedere “la mano” della ragazza, la quale poteva anche rifiutare il promesso sposo, ma non succedeva quasi mai.

<<Nel caso specifico di Giuseppe e Maria è logico ritenere che siano state osservate le consuetudini, ma è lecito anche pensare che fossero veramente innamorati.  E questo lo si deduce proprio da ciò che avvenne dopo che era già stato  stipulato il contratto di promessi sposi>>.

Cioè la scoperta da parte di Giuseppe che Maria era incinta?.

<<Esattamente. Il comportamento di Giuseppe in quella situazione palesa un grande amore e una grande stima di Maria. La legge prevedeva che dopo l’accordo scritto tra le due parti, dovesse trascorrere ancora un anno prima che i due promessi sposi andassero a vivere insieme. In caso di infedeltà della donna, il marito la ripudiava e la donna veniva punita con la lapidazione. Il Vangelo racconta che Giuseppe, accortosi che Maria era incinta, rimase naturalmente sconvolto, e dopo lunghe riflessioni decise di lasciarla libera, senza ripudiarla ufficialmente per evitare che venisse uccisa. Questa decisione dimostra che Giuseppe  voleva veramente bene a Maria, la stimava e non si permise neppure di giudicarla>>.

3Ma arrivò l’angelo a chiarire tutto. Disse a Giuseppe: “Non temere di prendere con te Maria tua sposa, perchè ciò che in lei è generato, è di Spirito Santo. E darà alla luce un figlio e gli porrai nome Gesù; egli infatti salverà il popolo suo dai suoi peccati. Destatosi Giuseppe dal sonno, fece come gli aveva ordinato l’Angelo del Signore”. Che preparazione culturale e religiosa aveva Giuseppe per  capire e accettare le parole dell’angelo?

<<Le scuole ebraiche di 2000 anni fa erano all’avanguardia. Erano divise in Elementari e in Superiori. Le elementari erano frequentate dai ragazzi dai 5 ai 13 anni. La superiori portavano al conseguimento del titolo di ‘rabbino’, che era equivalente al nostro dottorato in Giurisprudenza. Giuseppe aveva certamente frequentato le elementari. E poiché lo studio era incentrato sulla conoscenza della Bibbia, della storia sacra, dei riti religiosi, conosceva bene i testi delle profezie riguardanti l’attesa del Messia, e quindi le parole dell’angelo non erano per lui prive di senso, anzi, avevano un significato importantissimo.. E poiché, come dice  l’evangelista, era “giusto”,  viveva cioè in sintonia con Dio,  intuì il profondo significato di quella storia e accettò come aveva accettato Maria. Entrò così nel mistero e da allora fu un fedele esecutore della volontà di Dio>>.

San Giuseppe, e anche Maria, furono liberi nella scelta di aderire alla volontà di Dio, o “programmati” in funzione della “missione” che  Dio aveva previsto per loro?

<<Furono certamente liberi. Sant’ Agostino spese l’intera esistenza a riflettere sul “libero arbitrio” e quattro anni prima di morire scrisse un libretto che si intitola “La Grazia e il libero arbitrio”. Egli dice: “Nelle Sacre Scritture ci sono testi che dicono che c’è la Grazia di Dio;  e ci sono testi che dicono che c’è il libero arbitrio dell’uomo. Noi sappiamo che queste due realtà esistono ma come poi, nella vita,  si compongono, si mettano insieme, a noi non è dato di capire: questo fa parte del mistero di Dio e del mistero dell’uomo”.  Quando tra Dio e l’uomo vi è sintonia, amore, allora tutto avviene in modo libero e spontaneo. L’uomo intuisce l’amore di Dio, la verità dell’amore di Dio, e ne è attratto. Maria e Giuseppe avevano un istintivo e naturale trasporto verso Dio, e vivendo in amicizia con lui, seguivano liberamente le intuizioni suggerite dalla Grazia>>.

5Dopo la nascita di Gesù, Giuseppe deve affrontare situazioni molto difficili: l’ira di Erode, la fuga in Egitto eccetera. E risolve tutte queste difficoltà  prendendo decisioni rapide e precise, dimostrando di essere un uomo attivo e coraggioso

<<Certo, dal racconto che i Vangeli fanno di quelle situazioni si ricava che Giuseppe era una persona molto dotata anche da un punto di vista umano. Un giovane straordinario. E Maria era come lui. Insieme presero decisioni che comportavano sacrifici, incognite, preoccupazioni gravi. Avevano un bambino piccolo, minacciato di morte, bisognava scappare in fretta. Partirono per l’Egitto e, a quanto è dato sapere, fecero un viaggio di circa 500 chilometri. Si aggregarono a una carovana. Viaggiavano quindi in compagnia di altre persone, ma i sacrifici e i disagi non furono per questo meno gravi. Ma niente mai turbò la loro fiducia in Dio. La loro unione familiare>>.

Un altro momento difficile si presentò durante l’annuale viaggio a Gerusalemme, quando persero il figlio che aveva 12 anni.

<Anche in quell’occasione soffrirono molto. Tre giorni di ricerche. E quando finalmente trovarono il figlio nel tempio, la Madonna disse una frase che “fotografa” il dolore e la sofferenza che avevano nel cuore: “Perché ci hai fatto questo. Io e tuo padre, angosciati, ti cercavamo”.  “Angosciati”: un aggettivo che fa capire quanta sofferenza e quanto amore avevano tutti e due per quel loro figlio>>.

Il ritrovamento di Gesù nel tempio, è l’ultimo episodio riferito dai Vangeli in cui compare San Giuseppe.

<<Esatto. Poi seguirono gli anni della vita nascosta di Gesù. Vita di famiglia. Gesù avrà certamente lavorato con suo padre. Era diventato anche lui un falegname, esperto in quella professione. Ma ha anche certamente continuato a studiare. Infatti, quando inizia la sua vita pubblica, lo chiamano “Rabbi”, “Maestro”: titolo riservato a chi aveva frequentato le Scuole Superiori, arrivando al dottorato in giurisprudenza. Gesù era colto, conosceva di sicuro anche il greco e il latino>>.

6Quando morì Giuseppe?

<<Prima che Gesù iniziasse la sua vita pubblica, perché nel racconto dei Vangeli di quel periodo, Giuseppe non appare più. Come sia morto, non si sa. Certamente assistito dalla moglie Maria e dal figlio Gesù. Cioè, assistito dalle persone più care che aveva e noi sappiamo quale fosse la loro vera identità. Quindi, una morte da invidiare. Per questo, San Giuseppe è patrono della buona morte>>.

San Bernardino da Siena e altri teologi sostengono che sia stato assunto in cielo, come sarebbe poi accaduto a Maria”.

<<La Chiesa Greca ha accolto questa ipotesi. Anche Sant’Ireneo, prima di san Bernardino, scrisse molto su questo argomento. Ma la Chiesa Cattolica non si è mai pronunciata ufficialmente su questo tema>>.


Nessun commento

Lascia un commento

XHTML: Allowed tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>