Home | In evidenza | #Lourdes – Dalla mia finestra

#Lourdes – Dalla mia finestra

12977143_10154665398753238_5081795454085476727_o

Dalla mia finestra osservo questa città internazionale e mondiale dove si mescolano lingue di diversa nazione in una torre di Babele che si unisce in un solo linguaggio: la fede! Sovrasta in alto sulla montagna dei Pirenei una croce, che guarda dall’alto dei Cieli i milioni di pellegrini che visitano questa città, raggiungibile attraverso la funivia.

Di notte questa croce si illumina portando ristoro a chi negli alberghi riposa.

Vola in alto un’ aquila con larghe ali e in ampie folate scende in basso per poi risalire e ballare nell’aria di questo cielo azzurro macchiato da bianche e immacolate nuvole. Un Santuario maestoso e di arte gotica silenzioso accoglie fra le sue sante mura chi conforto cerca. Si innalzano canti ed inni di lode per tutta la giornata e ad ogni quarto d’ora la voce del Signore rintona nel suono delle campane. Ad ogni ora il canto dell’Ave Maria delle campane dal grande campanile ricorda che questa è la città scelta dalla Vergine Maria. All’interno una Grotta che con il suo silenzio parla al cuore.

Il merlo vola e accompagna le preghiere come un custode abitudinario di Marsabielle. Dalla mia finestra ascolto il Gave che scorre con forza sul rialzo della roccia e forma una piccola cascata di energia, riciclata dalla Centrale Idroelettrica, continua poi nel suo percorso, dopo aver deposto la sua forza energetica, verso il Santuario. Silenzioso scorre laterale e porta via con sé le preoccupazioni e i problemi, le richieste e le preghiere di chi viene qui.

Dalla mia finestra, guardando difronte, vedo la bellezza dell’architettura dei palazzi e degli alberghi. Costruiti con tetto spiovente per accogliere la neve che nel freddo inverno ne fa da padrona in questa città. Alberghi con insegne luminose di sera rendono questa città spettacolare e illuminano, insieme alla fiaccolata del popolo di Dio, la città. Da lontano, dalla mia finestra osservo pure, i negozi di oggetti religiosi; pieni di vari prodotti (statue, coroncine del rosario, quadri, immagini sacre in legno, bottiglie di plastica e vari recipienti per l’acqua santa, sacchetti di fiori di lavanda, saponi profumati, confezioni di cioccolata, tovaglie ricamate, ombrelli e maglioni). Negozi tutti allineanti, l’uno accanto all’altro, non in competizione fra loro, ma in unità e amicizia per un commercio libero e di accoglienza dei turisti. Dalla mia finestra, a sinistra, erge maestoso il campanile della Parrocchia Sacro Cuore di Gesu’.

Bello, maestoso, di arte gotica e arricchito nei minimi particolari che rende questo monumento sacro un’opera storica preziosa della città. Costruito difronte al Santuario come per dire “L’Immacolata Concezione, Mamma del Cielo, conduce al Sacro Cuore di Gesu”. Attorno, nel centro della città, case, abitazioni private di persone che vivono 365 giorni all’anno qui in convivenza con pellegrini che vengono saltuariamente nell’anno a visitare la città. Ogni abitante potrebbe raccontare una storia che parla di valori, di fede, di tradizione, di esperienze accadute negli anni. C’è anche chi parla di laicità e di non fede. Ma la maggior parte degli abitanti conducono la vita secondo la parola di Dio vivendo la Parrocchia. E’ come una piccola comunità da dove si dislocano gruppi di emigranti italiani stabilitisi qui per lavoro e per devozione.

Un po’ piu’ in avanti, della Chiesa Parrocchiale, su una piccola collina, guardo il Castello di Lourdes. Tutto ristrutturato e in completa restaurazione delle sue stanze, accoglie all’interno i visitatori in un Museo che parla della cultura e tradizione di questa città e della Regione Midi Pirenei. In alto sulla torre sventola la bella bandiera della Francia con i suoi caldi colori: blu, bianco e rosso (libertà, fraternità, uguaglianza). La città offre anche altri Musei quali quello delle Cere e Museo S Bernadette dove vi è raffigurata la storia delle apparizioni della Madonna qui.

Per chi ama il cinema, invece puo usufruire gratuitamente nel Santuario della visuale di video ed estratto del film su Bernadette o puo guardare la proiezione del film storico e altri film capolavori dell’arte cinematografica nel Cinema della città pagando un biglietto di modico costo.

Volano sempre in alto gazze ladre, passeri e pettirossi che come messaggeri cinguettano, portando note musicali che contribuiscono ad ampliare la serenità e pace che dona questa città. Dalla mia finestra riguardo a destra e vedo la Chiesa della Madonna del Carmelo. All’interno di essa, alle 17, i Vespri si innalzano verso il Cielo in musica soave delle voci vergini delle suore di clausura. Il silenzio della Chiesa che parla al cuore, le note basse intonate e la dolcezza del suono si mescolano e donano all’ascoltatore commozione e fede. Inoltre il visitatore puo’ comprare degli oggetti e prodotti artigianali fatti dalle suore contribuendo al sostentamento del Monastero del Carmelo. Per il ristoro dei pellegrini o turisti di due giorni, la città offre le mense self Ave Maria, self S Michele e ristoranti dove a economico costo si puo’ usufruire di un pranzo completo. Vi sono anche pizzerie e negozi con panini in vendita e cibo take way. Nel centro della città, passeggiando si ammirano le costruzioni tipiche del Nord Europa, da ammirare i monumenti quali statua del generale De Gaulle, il Palazzo del Comune. La mattina, il pellegrino, puo anche visitare il mercato di Lourdes. Hall de Machè una struttura padiglione che accoglie i coltivatori e contadini delle montagne dei Pirenei. Si dice in Francia che “per ogni giorno dell’anno c’è un formaggio!”. All’interno di questo mercato è ampia l’esposizione di tipici prodotti delle montagne Pirenei. Montagne che abbracciano tutta la città. Piccole ma forti, verdeggianti e di inverno innevate. Con aria buona e fresca, erba naturale e salutare che fa produrre latte alle mucche di sapore speciale. Latte ottimo per la produzione di vari tipi di formaggio di alta qualità. Dalla mia finestra, guardo in alto e osservo il Cielo azzurro, respiro l’aria e gioisco di serenità ringraziando Dio di abitare qui in questa città che è

La mia città, la nostra città, la vostra città:

LOURDES!!!

Maria Grazia Ignoto

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.