Home | Stampa | #Lourdes Volontaria Unitalsi Alfiere della Repubblica

#Lourdes Volontaria Unitalsi Alfiere della Repubblica

ELENA, VOLONTARIA UNITALSI DA OGGI ALFIERE DELLA REPUBBLICA
Il Capo di Stato questa mattina al Quirinale ha conferito l’onorificenza alla giovane marchigiana

Tra le tante storie di giovani che quotidianamente si impegnano per dare un senso al vivere civile e per trasmettere segnali positivi il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha scelto anche quella di una sarnanese di tredici anni, Elena Piergentili. Con lei altri ventotto giovani nati tra il 1999 e il 2008, tra cui un altro marchigiano, “modelli positivi di cittadinanza, costruttori di comunità, attraverso la loro testimonianza e il loro impegno”.

Elena, a causa del terremoto, ha dovuto abbandonare la sua casa e trasferirsi, con la famiglia composta di sei persone, in una piccola abitazione. Elena, però, non si è persa d’animo e ha incominciato questa nuova avventura sostenuta dai suoi genitori, Luca ed Elisabetta. Nonostante le difficoltà, la scuola, la condivisione con i compagni e i momenti di gioco, Elena si dedica alla sorellina, che vive in condizioni di grave infermità.

Giunta a Roma questa mattina presto e indossata la divisa dei giovani dell’Unitalsi, felpa blu, jeans e scarpe da ginnastica, Elena ha fatto il suo ingresso al Quirinale, dove alle ore 11:00 il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito l’Attestato d’Onore per le benemerenze acquisite nel campo della cultura, della scienza, dell’arte, dello sport e del volontariato, attribuendo a Elena il titolo di “Alfiere della Repubblica”.

“Sono felice, ancora non ci credo – dice Elena, in compagnia della famiglia appena uscita dal Quirinale -, è stata una grande emozione entrare al Quirinale e ricevere questa attestato dalle mani del Presidente della Repubblica”. Nella motivazione del premio si legge: “Ha dovuto abbandonare la sua casa e trasferirsi – con la famiglia – composta di sei persone – in una abitazione di due sole camere. Nonostante le difficoltà non ha perso il sorriso e la disponibilità verso i compagni di scuola e di gioco.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.