Home | Stampa | Io sono l'Immacolata Concezione

Io sono l'Immacolata Concezione

C’è un fitto mistero che lega profondamente Gaeta, città del Regno delle Due Sicilie, con Lourdes, quest’ultimo paese noto in tutto il mondo per i pellegrinaggi, ma soprattutto perchè nel 1858, apparse, alla piccola Bernardette Sobirous, la Vergine Maria.

Il periodo del 1848-1849 è noto nella storiografia moderna a causa delle terribili rivoluzioni che insanguinarono il Vecchio Continente.

E’ opinione della Chiesa che la Madonna si “faccia vedere” soprattutto in quei periodi in cui l’Umanità è in grave pericolo, così infatti è stato per Lourdes, così per Guadalupe, così per Fatima e così oggi per Medjugorie[1].

Nel 1848, Papa Pio IX si trovava a Gaeta, in fuga dai moti che avevano colpito anche Roma (era stata dichiarata la Repubblica Romana e la città era in preda ai disordini ed agli assassinii)
“E’ noto che la destinazione finale  di Pio IX era stata pensata in territorio spagnolo, ma l’accoglienza di Gaeta, del Re Borbone e del popolo, fu talmente amorevole e premurosa, che il buon Pio IX decise di non proseguire oltre.”

Ma il vero motivo per cui la permanenza del Papa, nella città di Gaeta, rimase nella storia, fu quando l’8 dicembre, festa della Vergine, Patrona delle Due Sicilie,  Pio IX ebbe la famosa intuizione(e la visione secondo alcuni) del Dogma dell’Immacolata Concezione. (Significa che la Madonna è stata concepita senza peccato originale)

A seguito di quella visione, il Papa decise di convocare immediatamente Ferdinando II, cosa si dissero non si è mai saputo.
Chissà se il Pio IX aveva pronosticato la fine del Regno o avesse in qualche modo legato il destino delle Due Sicilie con quello del Mondo, come a me piace pensare, fatto sta che nemmeno nel testamento del Re borbonico si trovano tracce che alludono al Dogma, se non gli ultimi voleri puramente cristiani, tipici di un re cattolico qual’erà Ferdinando II – “…sussidii ai poveri, e restauri e costruzioni di chiese nei paesetti che ne mancassero sul continente e in Sicilia…”

Circa 10 anni dopo questo grande evento che si verificò nelle Due Sicilie, un altro ancora più grande avvenne dall’altra parte del Mediterraneo, in uno sperduto e povero paese dei Pirenei Francesi, Lourdes.
Era l’11 febbraio del 1858, pochi mesi prima della rivoluzione italiana che avrebbe segnato la fine del regno delle Due Sicilie, quando una bambina di nome Bernardette Sobirous, vide apparire in una grotta, la Madonna.
Queste apparizioni si susseguirono per parecchio tempo e la folla di persone venute dai paesi vicini e persino da tutta la Francia cominciò a farsi ogni giorno più oceanica e la curiosità sempre più insistente, così quando il 25 marzo del 1848 chiesero alla veggente chi fosse quella “Signora vestita di bianco”, come Bernardette l’aveva sempre descritta, la bimba rispose: si l’ho chiesto e Lei mi ha risposto: “Io sono L’Immacolata Concezione”

[1] 150° anniversario delle apparizioni di Lourdes, 11 febbraio 2008

Avviso: Le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google e sono necessarie a poter mantenere gratuite queste pagine. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.