Home | Il Papa a Lourdes | I MOMENTI DELLA GIORNATA

I MOMENTI DELLA GIORNATA

Nell’ultimo giorno in Francia, il papa celebra la messa per i malati e percorre l’ultima tappa del ‘Cammino del Giubileo’, recandosi all’Oratoire de l’Hopital, luogo dove Bernadette ha ricevuto la sua prima comunione. Durante la celebrazione conclusiva, Benedetto XVI ha amministrato il sacramento dell’unzione degli infermi a una decina di malati. Alle 12,30, la partenza dall’aeroporto di Tarbes.


I MOMENTI DELLA GIORNATA

LA MESSA. Il momento più intenso del suo pellegrinaggio a Lourdes il papa lo ha voluto dedicare ai malati questa mattina sull’Esplanade. Una celebrazione eucaristica solenne e raccolta, con il canto dello Stabat Mater e l’amministrazione dell’unzione degli infermi e le campane che hanno suonato a festa. Dopo la riflessione sulla Croce di Cristo, oggi la attenzione del papa si è spostata su Marìa che piange ai piedi della Croce. “La sua riservatezza, tuttavia, ci impedisce di misurare l’abisso del suo dolore”, dice il papa, che prima della messa si era congedato dall’Ermitage di St. Joseph di Lourdes e aveva compiuto l’ultima tappa del “Cammino del Giubileo”, visitando l’ Oratorio dove Bernadette ricevette la Prima Comunione. Tra le mille carrozzelle, i lettini e le mantelle bianche di infermieri, hospitaliers, volontari, Benedetto XVI ha ricordato il sorriso di Maria. “Le lacrime versate ai piedi dellaCroce si sono trasformate in un sorriso che nulla ormai spegnerà, pur rimanendo intatta la sua compassione materna verso di noi”. Un sorriso che è per tutti, ma in modo speciale per chi soffre. ”Cercare il sorriso di Maria non è questione di sentimentalismo devoto o antiquato; è piuttosto la giusta espressione della relazione viva e profondamente umana che ci lega a Colei che Cristo ci ha donato come Madre”. La cronaca – Le parole del papa

Avviso: Le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google e sono necessarie a poter mantenere gratuite queste pagine. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.