Home | Alessandro De Franciscis | Il “giudice delle guarigioni” di #Lourdes a Casale

Il “giudice delle guarigioni” di #Lourdes a Casale

Il “giudice delle guarigioni” a Casale Monferrato per raccontare Lourdes con la suora miracolata

È il presidente del Bureau des constatations médicales, che registra, studia, verifica e giudica dal punto di vista scientifico tutte le presunte guarigioni nel santuario mariano

Consigliere comunale e poi deputato, nel 2009 ha lasciato la politica (all’epoca era presidente della Provincia di Caserta) per trasferirsi a Lourdes e ricoprire l’incarico di presidente del Bureau des constatations médicales, l’ufficio che registra, studia, verifica e giudica dal punto di vista scientifico le presunte guarigioni che avvengono nel santuario mariano. Mercoledì 15 novembre il medico Alessandro De Franciscis, 62 anni fra pochi giorni, sarà a Casale per parlare della sua esperienza lourdiana. Lo ha invitato l’Oftal e l’incontro, rivolto a tutta la cittadinanza, si svolgerà alle 21 all’auditorium San Filippo.

Alla serata interverrà suor Luigina Traverso, una delle 69 persone la cui guarigione a Lourdes è stata riconosciuta come «miracolo» dalla Chiesa. Fu guarita nel 1965 e cinque anni fa il vescovo Alceste Catella (che interverrà mercoledì con il suo successore Gianni Sacchi) proclamò l’avvenuto miracolo. Nel 1950 era invece avvenuta la guarigione inspiegabile di Evasio Ganora, di San Giorgio, anch’essa certificata (5 anni dopo) come miracolo.

E «Guarigioni e miracoli a Lourdes. 1858-2018: una storia giovane di 160 anni» è il tema dell’incontro a Casale. Nell’archivio del Bureau c’è la documentazione su più di settemila guarigioni che i medici hanno ritenuto eccezionali. Ogni segnalazione viene esaminata con attenzione. Dopo il giudizio espresso dal Bureau, il caso viene vagliato dal Comitato medico internazionale. L’iter per la proclamazione del miracolo si conclude nella diocesi della persona guarita, con il pronunciamento del vescovo.

MAURO FACCIOLO PER LASTAMPA.IT

Avviso: Le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google e sono necessarie a poter mantenere gratuite queste pagine. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.



Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.