Stampa

Mostra fotografica di Emilio Rescigno "Pellegrinaggio a Lourdes"

A Finale Ligure la mostra fotografica di Emilio Rescigno “Pellegrinaggio a Lourdes”
Finale Ligure – “Sono stato chiamato dall’Unitalsi non ad aiutare i malati ma a documentare con la macchina fotografica lo straordinario lavoro dei suoi volontari, cercando di “catturare”, per quanto possibile, l’atmosfera che si respira in un luogo unico e magico”

Sarà inaugurata sabato 5 dicembre alle ore 10, presso la Sala mostre del Museo Archeologico del Finale, la mostra fotografica di Emilio Rescigno “Pellegrinaggio a Lourdes”.
La mostra è promossa dall’Unitalsi (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) di Finale Ligure e presenta una cinquantina  di scatti in bianco e nero che Rescigno ha realizzato lo scorso settembre a Lourdes, in occasione di un pellegrinaggio cui ha partecipato per conto dell’Unitalsi con l’incarico di effettuare un reportage fotografico al seguito dei volontari. Da quel reportage è nata la mostra che sarà inaugurata sabato e che è organizzata con il patrocinio del Comune di Finale Ligure (Assessorato alla cultura) e con la collaborazione del Museo Archeologico del Finale, della Consulta del volontariato e del Dipartimento di Scienza della Educazione e Formazione dell’Università di Torino.

“A Lourdes il mio è stato un volontariato atipico. – dice Rescigno –  Sono stato chiamato dall’Unitalsi non ad aiutare i malati ma a documentare con la macchina fotografica lo straordinario lavoro dei suoi volontari, cercando di “catturare”, per quanto possibile, l’atmosfera che si respira in un luogo unico e magico qual è, appunto, Lourdes. Spero di esserci, almeno in parte, riuscito”.

La mostra sarà visitabile fino al 10 di gennaio con il seguente orario: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17.

Fonte riviera24.it

Avviso: Le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google e sono necessarie a poter mantenere gratuite queste pagine. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio