Home | Il Papa a Lourdes | Papa alla processione Eucaristica

Papa alla processione Eucaristica

La processione eucaristica a Lourdes. Benedetto XVI: contemplare l’Ostia Santa è contemplare l’eternità

Dopo l’incontro con i vescovi francesi, Benedetto XVI ha assistito ieri alla conclusione della solenne processione eucaristica. Rivolgendosi ai fedeli e ai pellegrini, il Papa si è soffermato sull’Ostia Santa, “Sacramento vivo ed efficace della presenza eterna del Salvatore degli uomini alla sua Chiesa”. “Sia che camminiamo o siamo inchiodati su di un letto di dolore – ha detto il Santo Padre – Signore prendici nel tuo Amore”; “Vergine santa – ha aggiunto – aiutaci a contemplare, aiutaci ad adorare, aiutaci ad amare, ad amare di più Colui che ci ha tanto amato, per vivere eternamente con Lui”. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

(musica)

 
Nella città mariana di Lourdes, dove una moltitudine di persone provenienti da tutto il mondo ha accolto Benedetto XVI, si scorge nelle parole del Santo Padre l’abbraccio della Gerusalemme del cielo, sigillato dalla “folla dei Santi che non cessano di intercedere per noi”.

“Une foule immense de témoins est invisiblement présente …
Una folla di testimoni è invisibilmente presente accanto a noi, vicino a questa grotta benedetta e davanti a questa chiesa voluta dalla vergine Maria”.

 
Il Santo Padre ha aggiunto che “non li vediamo, ma li sentiamo dire a ciascuno di noi: Vieni lasciati attrarre dal Maestro”:

“Laisse-to saisir par Lui …
Lasciati afferrare da Lui. Non guardare più alle tue ferite, guarda alle sue. Non guardare ciò che ti separa ancora da Lui e dagli altri; guarda l’infinita distanza che Egli ha cancellato nell’assumere la tua carne, nel salire sulla Croce che gli hanno preparato gli uomini e nel lasciarsi mandare a morte per mostrarti il suo amore. Nelle sue ferite Egli ti accoglie; nelle sue ferite Egli ti nasconde. Non rifiutarti al suo amore!”

 
Coloro che si sono lasciati afferrare dal suo amore – ha affermato il Papa – “erano peccatori e lo sapevano, ma hanno accettato di non guardare le loro ferite, di non guardare ormai che le ferite del loro Signore, per scoprirvi la gloria della Croce”, la vittoria della vita sulla morte. Nell’Eucaristia – ha osservato Benedetto XVI – Gesù Cristo è “presenza reale, presenza che supera le nostre povere labbra, i nostri poveri cuori, i nostri poveri pensieri”: “quando contempliamo l’Ostia Santa – ha spiegato il Papa – contempliamo ciò che contempleremo nell’eternità”. “Alcuni tra noi – ha aggiunto – non possono o non possono ancora riceverLo nel Sacramento”.

“Mais ils peuvent Le contemper avec foi et amour …
Ma possono contemplarLo con fede e amore, ed esprimere il desiderio di potersi finalmente unire a Lui. E’ un desiderio che ha grande valore davanti a Dio: essi attendono con maggiore ardore il suo ritorno; attendono Gesù Cristo che deve venire”.

L’Ostia Santa ha detto infine il Santo Padre “ci dice l’incredibile abbassamento di Colui che si è fatto povero per farci ricchi di Sé, Colui che ha accettato di perdere tutto per guadagnarci al Padre suo”.

Avviso: Le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google e sono necessarie a poter mantenere gratuite queste pagine. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.