ComunicazioniStampa

Il Vaticano e la religione su webcam

Deve essere il cognome, e un destino, per certi aspetti. Alla fine degli anni Quaranta, un gesuita intraprendente, che conosceva tutti i segreti dei mezzi di comunicazione di massa (di allora) si guadagnò l’appellativo di “microfono di Dio”. Era stimato e protetto da Pio XII e si chiamava Riccardo Lombardi. Utilizzò soprattutto la radio, ma anche i giornali, come predicatore, iniziando sempre i suoi discorsi con queste parole: «Gesù mi ha detto…». Riccardo Lombardi tra l’altro fu determinante per il risultato delle elezioni del 1948, quando la Dc vinse e scongiurò la vittoria delle sinistre unite.


Oggi, ironia dei nomi, padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa della Santa Sede, commenta e racconta la svolta su internet che il Vaticano, e più in generale la Chiesa, sta dando. Ovvero: la diffusione delle webcam nei luoghi di culto e nei santuari. Tutti si stanno attrezzando. I primi, neanche a dirlo, già nel 2001, furono i cappuccini di San Giovanni Rotondo. Poi sono arrivati gli altri. Una webcam vigila sulla grotta di Massabiele, a Lourdes, una alla Mariacki di Cracovia, una alla Basilica Inferiore di Assisi, una è alla tomba di Giovanni Paolo II, addirittura tre sono a Medjugorie. E per ultima, la webcam è stata installata a Fatima.

Come dice padre Federico Lombardi, è utile ai credenti avere «live cam accese sul panorama globale della fede». Dunque basta andare nei vari siti, cliccare, e si possono vedere santuari, chiese, giardini (quelli di Castelgandolfo ad esempio) e luoghi delle apparizioni. Dal dunque siamo passati dal microfono di dio, strumento a quei tempi assai tecnologico, alla web di oggi, una web soprattutto mariana.

Ma il dubbio sorge davvero. Ed è nel rapporto che tutto questo ha con il sacro e con il mistero. Mettere in un luogo di apparizioni una webcam che filma 24 ore al giorno ha davvero senso? E se dovesse riaccadere quello che si dice accadde il 13 maggio del 1917 ai tre pastorelli di Fatima, o nel 1858 a Lourdes alla contadina Bernardette, o recentemente, nel 1981 ai sei ragazzi di Medjugorie, cosa filmerà una webcam? E senza voler essere sacrileghi, e con il massimo rispetto: la Madonna si mostrerebbe a una webcam? O avrebbe il diritto di scegliere a chi mostrarsi e perché? Bella domanda, decisamente teologica, e ormai anche tecnologica. E se riappare e alla webcam non risulta, come la mettiamo? E possiamo trasformare il popolo di internet in una massa di veggenti? Il quesito rimane aperto, ovviamente.

Avviso: Le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google e sono necessarie a poter mantenere gratuite queste pagine. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio